Comune di Melilli

Comunicazione del Sindaco - Questione centri di accoglienza per minori stranieri non accompagnati

Pubblicata il 19/02/2018

Il Sindaco, la Giunta Comunale e il Gruppo Consiliare “Uniti per Cambiare” ribadiscono la totale contrarietà alla apertura di nuovi centri d’accoglienza per minori stranieri non accompagnati.
 
Appresa la notizia del provvedimento del Tar Palermo nel giudizio intentato dalla Cooperativa Sociale “Spaider per la parità dei diritti” (coop. che ha stretto riferimento alla famiglia del consigliere comunale Salvo Sbona), contro l’Assessorato Regionale alla Famiglia e contro, come parte contro-interessata il Comune di Melilli, il quale pronunciandosi ha disposto l’accreditamento della struttura per minori non accompagnati all’Albo Regionale.
Il ricorso verteva sul fatto che il Comune di Melilli, con nota prot. n. 25247 del 5.12.2016, si era opposta all’apertura di nuovi centri per l’accoglienza di minori stranieri non accompagnati, di qualsiasi genere e grado, poiché sul territorio già insistevano diverse strutture tali da impedire una regolare attività di controllo da parte degli uffici preposti (così come prevede la legge).
L’Assessorato alla Famiglia della Regione Siciliana, con nota prot. n. 39989 del 21.12.2016, comunicava alla Coop. Spaider che l’iscrizione all’albo non poteva essere esitata poiché il Comune di Melilli, con la sopra citata nota, esprimeva parere contrario all’apertura di nuovi centri per l’accoglienza di qualsiasi grado e genere, da qui il ricorso al Tar di Palermo da parte della Coop Spaider, apparentata al consigliere Sbona, per sovvertire la decisione della Regione sostenuta dal Comune di Melilli.
Oggi, il Sindaco, la Giunta Municipale e tutto il gruppo consiliare di “Uniti per Cambiare”, fermamente convinti di interpretare la volontà dei cittadini, di Melilli, Villasmundo e Città Giardino, si impegnano a mettere in atto tutti gli strumenti che la legge consente per impedire un nuovo centro di accoglienza per minori stranieri non accompagnati e, soprattutto, di non far sorgere presso la via Garibaldi (nei pressi della Chiesa di Sant’Antonio Abate) a Melilli, una nuova struttura per stranieri.
Da subito l’Amministrazione comunale si è impegnata, con i propri legali, a redigere appello presso il Consiglio di Giustizia Amministrativa della Regione Siciliana per fa rispettare la volontà dei propri cittadini.
Tanto si comunica per opportuna conoscenza.   
Melilli, 19.02.2018
Il Sindaco di Melilli
La Giunta Municipale
il Gruppo Consiliare “Uniti per Cambiare”.
 

Facebook Google+ Twitter